Da me non avrai che l’assenza.

Mi era venuta voglia di buttarti in faccia

una vita di colori dolorosi,

lo sarebbero stati per te,  colmi di pena.

Invece al tamburo funerario delle tue parole

fumanti e vipere

non ho saputo che  odiarti

per la tua incomprensibile sosta millenaria

in un non-mondo.

Ti sei fumata, sei diventata grigia,

gli occhi ormai non parlano più di terre lontan,

la tua bocca mente dimenticandosi la guerra,

oscura, che tu non vivi mai,

persa in una volgare pasta rosa.

Quanti giorni ancora potrai giocare

alla vita finta

semplicemente digitando un ” Ciao, sono Lorena e sono felice”?

Quanti letti ancora disferai

nell’attesa che qualcuno te li ricomponga?

Quante mura ancora

innalzerai

davanti all’amore, la vita, la morte?

Figlia di quest’era assurda, sabbiosa e geniale,

non posso che odiarti

per un motivo inaccellabile

e sentirti il più lontana possibile,

rarefatta.

Non voglio più chiederti

il rispetto di un profumo che non è il tuo

di un dolore che non è il tuo

di un sorriso che non è il tuo

di un abbraccio che non è il nostro.

Viaggia, se ci riuscirai, viaggia lontano da te

per arrivare

a te

che ti sei persa,

oramai.

Un pensiero su “Da me non avrai che l’assenza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...