Esseri

Suggella la mia retina

il tuo amore immobile

in un tempo così caduco,

ti amo,

piccola creatura

fragile natura

e forte come l’esplosione di una nebulosa,

non aver vergogna

del nostro ventre di respiro,

congiunto dalle nostre membra spirituali

e fisiche,

che creammo quando ci toccammo

i cuori per la prima volta

e la pelle tremava

nel freddo

di un sudore così caldo

velenoso e dolce.

Non aver paura della nostra morte,

insieme,

baceremo altre essenze,

ma la tua

resterà nel mio odore

per sempre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...