Sono tua figlia.

Mamma,
sono tua figlia se vuoi stringermi forte a te da togliermi il respiro
sono tua figlia se vuoi rendermi libera, libera come la notte
                                                           tinta di un blu ferreo.

sono tua figlia se mentre cresco vedi sciogliermi come la neve
                                             che prima era bianca e ghiacciata
                                              liscia e pura

                e adesso sono latte impuro, sono ruvida di esperienze
                                                           sono amara
                                                           al retrogusto del mondo.


Mamma,

sono tua figlia se mi senti piangere la notte
in silenzio
acutamente
con troppa vita nelle vene
e paura nei singhiozzi
con il cuscino sulla bocca
soffocare e sussultare
per non riuscire mai a svegliarti.
                                                mai, mamma.
                                                                   mai.

sono tua figlia se hai pensato di avvelenarmi
                                            falsa indifferenza
                                            tutto cosi surreale
                                            i sogni diventano martiri
                                       e chiodi negli occhi.

Mamma,
sono tua figlia se mi odi anche solo per un secondo
                                                                   solo per quell’istante
                                                                            se sono un virus a cui non c’è cura
                                                                                se sono sporco che non va via
                                                                                   una storia disincantata
                                                                                      un lutto che respira

sono tua figlia se vedi tagliarmi come carta stracciata
                                                       e marmo duro freddo
                                                      vetro rovente rompersi in mille pezzi
                                                      schegge nella gola
                                                      sangue che gemita
                                

                                  e stendermi nel fuoco bruciante del sole
                                                 dopo l’odore acre
                                                      della nostra indigestione.

Image and video hosting by TinyPic

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...