Mattino di cacca

 
Adesso fatevi due risate.
Che mattino di cacca.
Già è iniziato …bene.
Sono caduta giù per le scale interne di casa mia.
Ho fatto un volo di un metro.
Complimenti a me stessa per non avermi spezzato le gambe.
E per aver fatto ridere la mia amata sorellina.
Avrei dovuto fare un Ecografia Oculare.
Quando mi sono svegliata erano le 7 circa.
Che fastidio svegliarmi presto per una ragione che non sia la Scuola.
Avevo appuntamento alle 9 all’ospedale Policlinico.
Siamo partiti da casa mio padre, mia sorella ed io.
Il traffico pullulava per le strade di Napoli.Immaginate la seccatura.
Arrivati al Policlinico, tra varie informazioni e eccetera,
abbiamo trovato quel maledetto Edificio 15,
come scritto sulla pratica del Medico.
Siamo entrati nell’edificio,
e dopo un’attesa di tre quarti d’ora,
abbiamo consegnato le ricette.
Abbiamo chiesto dove fosse collocato questo ambulatorio per le ecografie oculari.
Qualcuno ci manda al Primo piano.Non è lì.
Qualcuno al Secondo piano.Non è lì.
Qualcuno ci manda al Terzo piano.
A questo punto chiediamo informazioni ad un infermiere.Non è lì.
Replica che al Terzo piano dell’edificio 15 il giorno 4 non  avrebbero fatto ecografie oculari.
Bisogna andare nell’Edificio B14.
Mia sorella è in collera.
Inizia ad obbiettare sull’organizzazione ospedaliera e
dalla sua bocca zampillano scurrili parole.
Io, con un pò di imbarazzo, mi allontano.
Dopo essere dimagrita 10 grammi,
corro giù per le scale
e mi incammino insieme alla mia famigliola a metà
all’edificio B14.
Entriamo nell’ambulatorio.
Un affollamento umano che mi rallenta il respiro.
Cerchiamo di farci avanti a prendere il numero.
Come no. Dobbiamo scrivere su una carta pezzente il nostro cognome.Squallido.
Papà lo scrive. E mia sorella di nuovo alla riscossa.
Ce ne siamo andati. Ovvero siamo fuggiti.
Al diavolo l’ecografia oculare.
Ho soltanto un mal di testa che mi martella le budella.
 
 
 
 

7 pensieri su “Mattino di cacca

  1. cioè ma lo dici pure?volete sapere cosa ho detto alle vekkiette in fila all’ambulatorio?ke siamo squallidi, ke sl a napoli succede ttt qst, ma skerziamo?un ambulatorio senza numeri, dove si scrive il cognome sul foglietto bianco…puliscitene il culo.e anckora, mi delude un’organizzazione assolutamente insufficiente soprattt x un’ospedale di titolo nazionale, noto anke x la presenza dell’università Federico 2.allora facciamo cosi: diamo la colpa al Federico, xk tnt i napoletani sanno accusarsi a vicenda senza cambiare le cose.e anke se mia sorella nn vuole ke dico parolacce sul suo blog, qst prp ci vuole:Affanculo sti deficienti.,

  2. mi avrei allontanato anke io xkè gia so la sorella come…..sclera quando sta incazzata concordo 😄 cmq dai una caduta di un metro è poka! ke dv dire io ke sn caduto cn 6 m di altezza ahahahhaahh…p leggendo il titolo credevo ke avevi passat la mattinata al cesso xD sao sao

  3. Wa quest’intervento è scritto benissimo O_O Complimenti!!!!Marò kome devo fare con te!!! Questo va su liberamente u.u

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...